This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Pubblicazioni di matrimonio

 

Pubblicazioni di matrimonio

I cittadini italiani che si sposano all’estero davanti alle autorità locali NON sono soggetti alle pubblicazioni di matrimonio, a meno che le stesse non siano richieste dalla normativa straniera.

A seguito della celebrazione del matrimonio davanti alle autorità straniere, l’interessato dovrà provvedere a registrare l’atto di matrimonio o direttamente con il Comune o tramite questo Consolato Generale seguendo le indicazioni pubblicate nella sezione di questo sito dedicata al matrimonio.

I cittadini italiani residenti presso questa circoscrizione consolare che desiderano sposarsi in Italia dovranno invece richiedere le pubblicazioni di matrimonio a questo Consolato Generale.

Nel caso di due cittadini italiani, di cui uno residente presso la circoscrizione di questo Consolato Generale e uno residente in Italia o presso la circoscrizione di altra rappresentanza diplomatico-consolare italiana, la procedura delle pubblicazioni potrà essere iniziata alternativamente presso questo Consolato Generale o presso il Comune/altra rappresentanza diplomatico-consolare di residenza. L’ufficiale di stato civile presso il quale è presentata la richiesta di pubblicazione, provvederà a richiede all’altro Ufficio competente per residenza di procedere anch’esso alla pubblicazione sul proprio albo informatico.

La richiesta di pubblicazioni di matrimonio dovrà essere presentata di persona, previo appuntamento da concordarsi inviando una email a newyork.statocivile@esteri.it 

Documentazione da presentare per richiedere le pubblicazioni presso questo Consolato Generale:

  1. formulario di richiesta di pubblicazioni di matrimonio compilato in ogni parte e firmato da entrambi i nubendi;
  2. copia del passaporto in corso di validità di entrambi i nubendi;
  3. nel caso di matrimonio religioso con effetti civili, lettera su carta intestata della Chiesa in Italia, con timbro e firma del Sacerdote che celebrerà le nozze, in cui dovranno essere indicate le generalità complete degli sposi, nonché la Chiesa e la data del matrimonio.

Requisiti ulteriori per il nubendo straniero:

4. atto di nascita in long form, debitamente legalizzato (fatte salve Convenzioni sull’esenzione da legalizzazione) e con traduzione in italiano debitamente certificata conforme o apostillata in caso di traduttore giurato.

5. “nulla osta al matrimonio”(ai sensi dell’art.116 del c.c.), rilasciato non oltre sei mesi prima dalle competenti autorità del Paese di cittadinanza, debitamente legalizzato e con traduzione in italiano certificata conforme dalla competente rappresentanza diplomatico-consolare o apostillata in caso di traduttore giurato.

Il “NULLA OSTA” deve indicare: cognome, nome, data e luogo di nascita, cittadinanza, residenza, stato libero, nome e cognome dei genitori e che non vi sono impedimenti al matrimonio secondo le leggi dello Stato di cittadinanza. Per la donna divorziata, inoltre, deve essere indicata la data di scioglimento del matrimonio e per la donna vedova la data di vedovanza.

5.1. Il nulla osta è sostituito dal “certificato di capacità matrimoniale” per i cittadini dei Paesi che hanno firmato e ratificato la Convenzione di Monaco del 5 settembre 1980 (Austria, Germania, Grecia, Lussemburgo, Moldavia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svizzera, Turchia. Si segnala che la predetta Convenzione non può essere attualmente applicata per il Belgio che, sebbene Paese firmatario, non ha ancora provveduto alla ratifica). I certificati di capacità matrimoniale rilasciati in base a tale Convenzione sono esenti dalla legalizzazione o da qualsiasi formalità equivalente nel territorio di ciascuno Stato parte.

5.2. Poichè gli Stati Uniti non hanno una autorità competente a rilasciare il nulla osta ex art. 116 cod. civ., i cittadini statunitensi per poter contrarre matrimonio in Italia dovranno presentare

a) una dichiarazione giurata, dalla quale risulti che il cittadino statunitense non ha impedimenti a contrarre matrimonio, rilasciata presso la competente autorità consolare degli Stati Uniti in Italia o presso un notaio negli USA . L’Autorità che riceve tale dichiarazione certificherà l’identità e la cittadinanza dell’interessato. Il documento dovrà essere legalizzato con Apostille;

b) un atto notorio (cioè dichiarazione giurata con quattro testimoni che non abbiano relazione di parentela con la parte interessata né diretto interesse all’atto) formato davanti ad una autorità italiana competente a riceverlo. L’atto notorio potrà, pertanto, essere formato davanti ad un Tribunale in Italia o davanti all’ufficio notarile di questo Consolato Generale, con il quale occorrerà prendere appuntamento scrivendo a newyork.notarile@esteri.it. Se si è in possesso di tutta la documentazione richiesta, è possibile prendere appuntamento con l’ufficio stato civile per le pubblicazioni di matrimonio nello stesso giorno dell’appuntamento con l’ufficio notarile per l’atto notorio. L’atto notorio è preliminare alle pubblicazioni di matrimonio.

Nel caso uno dei due nubendi non possa essere presente alle pubblicazioni, dovrà rilasciare all’altro una delega in carta semplice, se cittadino italiano o UE, o, se cittadino extracomunitario, una procura speciale fatta presso il Consolato italiano o presso un notaio locale. In quest’ultimo caso la procura andrà apostillata e accompagnata da traduzione in lingua italiana.

Se ambedue i nubendi non possono essere presenti alle pubblicazioni, dovranno rilasciare una delega o una procura a terza persona, con le stesse modalità di cui sopra.

Le pubblicazioni saranno affisse presso l’albo consolare per la durata di 8 giorni consecutivi; dopo ulteriori tre giorni liberi sarà emesso il certificato di eseguite pubblicazioni di matrimonio con delega alla celebrazione del matrimonio in Italia che avrà una validità di 180 giorni. Decorso tale termine, per poter contrarre matrimonio, occorrerà ripetere le pubblicazioni.

Le pubblicazioni sono soggette al pagamento delle tasse consolari:

  1. Imposta di bollo NAA (due imposte di bollo, nel caso di due cittadini italiani di cui uno residente al di fuori di questa circoscrizione consolare);
  2. art. 24 Autentica di firma nel caso di nubendo cittadino extra UE;
  3. art. 3 Affissione Pubblicazioni di Matrimonio;
  4. art. 2c Certificato d'avvenuta Pubblicazione.

Il pagamento dovrà essere effettuato con due Money Order, intestati al Consolato Generale d’Italia New York, il primo per il pagamento delle tasse elencate nei primi tre punti e il secondo per l’importo corrispondente all’art. 2c.

Si prega di consultare la Tabella delle Tariffe Consolari per l’importo aggiornato.


946