Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Divorzio

 

Divorzio

Sentenze di divorzio

Registrazione in Italia di una sentenza di divorzio pronunciata all’estero

Un divorzio avvenuto all’estero diviene efficace in Italia solo dopo essere stato trascritto nei registri di stato civile del competente Comune.

Per essere trascritto, il divorzio avvenuto all’estero deve rispettare determinati requisiti richiesti dalla normativa Italiana.

Le sentenze di divorzio dei tribunali USA presentano in genere le caratteristiche richieste dalla legge italiana e vengono di norma trascritte. Tuttavia la decisione finale sulla trascrizione spetta all’ufficiale di stato civile del Comune.

Per i matrimoni celebrati in Italia la sentenza di divorzio viene trascritta dallo stesso Comune ove è avvenuto il matrimonio. Per i matrimoni celebrati all’estero il divorzio viene trascritto dai Comuni dove è avvenuta la trascrizione del matrimonio.

Requisito fondamentale per poter chiedere la trascrizione del divorzio è dunque che il matrimonio cui si riferisce, se non celebrato in Italia, sia stato comunque trascritto. Se il certificato di matrimonio non è mai stato presentato per la trascrizione è necessario quindi presentare anche la documentazione relativa, predisposta come indicato nella sezione del sito dedicata alla registrazione dei certificati di matrimonio.

Documenti da presentare:

  1. Richiesta di trascrizione (Modulo Richiesta trascrizione divorzio);
  2. Sentenza di divorzio in formato integrale (Judgement of Divorce), rilasciata in copia autentica dal Tribunale competente, legalizzata con Apostille dello Stato ove ha sede il Tribunale;
  3. Certificato attestante il passaggio in giudicato della sentenza (Certificate of No Appeal), rilasciato in originale dal Tribunale competente e legalizzato con Apostille.Il certificato di passato in giudicato viene rilasciato in una grande varietà di formati, a seconda dello Stato e della Contea ove è avvenuto il divorzio. Il nome stesso varia: “Letter of No Appeal”, “Certificate of Disposition”, “Clerk Certificate” e così via. L’importante è che nel testo sia contenuta l’indicazione che non vi sono stati appelli e che quindi la sentenza è definitiva.
  4. Traduzione giurata in italiano di entrambi i documenti (Judgement of Divorce e Certificate of No Appeal) effettuata da un traduttore professionista (lista dei traduttori) che rilasci il certificato bilingue di conformità della traduzione (certificate of accuracy);
  5. Fotocopia del passaporto in corso di validità, preferibilmente italiano, di chi ha firmato la richiesta di trascrizione (solo le pagine con la foto, i dati e la firma del titolare).

IMPORTANTE: in caso di divorzi avvenuti all’estero in Paesi diversi dagli Stati Uniti d’America, il connazionale dovra’ provvedere alla legalizzazione e alla traduzione in italiano delle sentenze di divorzio, seguendo le indicazioni fornite dalla Rappresentanza diplomatica o consolare italiana competente territorialmente per quel Paese.


943